Eurotour: in Qatar titolo a Pepperell e Paratore spettacolo nel finale (4°)

Renato Paratore
  25 febbraio 2018 In primo piano
Condividi su:

Renato Paratore con un gran giro in 66 (-6) colpi, miglior score di giornata, e il totale di 273 (71 66 70 66, -15), ha ottenuto un brillante quarto posto, rimontando dal 23°, nel Commercial Bank Qatar Masters (European Tour) disputato sul percorso del Doha GC (par 72), nella capitale del Qatar, dove l’inglese Eddie Pepperell (270 – 65 69 66 70, -18) ha firmato il primo titolo nel circuito. Ottima prova anche di Andrea Pavan, 13° con 276 (68 69 67 72, -12), mentre hanno perso terreno nel finale Lorenzo Gagli, 34° con 279 (67 70 67 75, -9), ed Edoardo Molinari, 72° con 286 (66 74 70 76, -2).

Pepperell nel finale ha contenuto il ritorno del connazionale Oliver Fisher, secondo con 271 (-17), con cui era in vetta dopo tre giri, e dello svedese Marcus Kinhult, terzo con 272 (-16). Hanno affiancato Paratore gli spagnoli Pablo Larrazabal e Gonzalo Fernandez Castaño, vincitore di due Open d’Italia, e il francese Gregory Havret. All’ottavo posto con 274 (-14) il tedesco Sebastian Heisele e il sudafricano George Coetzee, al 28° con 278 (-10) il cinese Ashun Wu e al 53° con 282 (-6) il thailandese Thongchai Jaidee.

Eddie Pepperell, 27enne di Oxford, ha affrontato il giro conclusivo con molta accortezza e ha avuto ragione con tre birdie e un bogey per il 70 (-2). Ha ricevuto un assegno di 236.315 euro su un montepremi  di 1.420.000 euro.

Renato Paratore (nella foto) ha segnato due birdie e un bogey in uscita, poi ha condotto nove buche spettacolari con cinque birdie senza bogey replicando il 66 del secondo turno. Andrea Pavan, quarto alla partenza  insieme a Gagli, ha tenuto con tre birdie e altrettanti bogey per il 72 del par. Tre bogey sulle prime nove buche hanno condizionato Lorenzo Gagli che ha terminato in 75 (+3) complessivamente con due birdie e cinque bogey. Per Edoardo Molinari 76 (+4) colpi con un birdie e cinque bogey. Out al taglio Matteo Manassero, 99° con 143 (70 73, -1), e Nino Bertasio, 121° con 146 (73 73, +2).

 

I RISULTATI

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube