Eurotour: in Turchia Dubuisson vince all’ultimo respiro

Dubuisson
  01 novembre 2015 In primo piano
Condividi su:

Il francese Victor Dubuisson (266 – 69 64 67 66, -22), nella foto di Getty Images, ha vinto per la seconda volta in tre anni il Turkish Airlines Open, prima delle quattro ricche gare delle Final Series che concludono l’European Tour e che si è svolta al Montgomerie Maxx Royal (par 72) di Antalya in Turchia senza giocatori italiani tra i 78 concorrenti.

In un acceso finale il 25enne francese di Cannes ha raddoppiato i suoi titoli nel circuito superando con un birdie in extremis il sudafricano Jaco Van Zyl (267 – 61 69 70 67, -21), con il quale aveva iniziato alla pari l’ultimo turno. Al terzo posto con 268 (-20) l’altro protagonista dell’evento, il thailandese Kiradech Aphibarnrat, che sull’ultima buca prima ha sfiorato l’eagle per andare allo spareggio (palla stampata sulla bandiera da fuori green) e poi ha mancato un cortissimo putt per affiancare almeno Van Zyl.
In quarta posizione con 269 (-19) il coreano Byeong Hun An, in quinta con 271 (-17) l’inglese Chris Wood e in sesta con 272 (-16) lo statunitense Peter Uihlein e il nordirlandese Rory McIlroy, leader dell’ordine di merito, che dopo essere partito piuttosto bene ed essersi messo in condizioni di vincere, ha poi rallentato il ritmo.
Ha difeso la seconda piazza nella money list l’inglese Danny Willett – che comunque si è allontanato, sia pure di poco, da McIlroy – 11° con 276 (-12) alla pari con il connazionale Lee Westwood, Poco dietro altri due inglesi, Ian Poulter, 16° con 277 (-11), e Matthew Fitzpatrick, 26° con 281 (-7) insieme al thailandese Thongchai Jaidee.
Piuttosto deludenti il nordirlandese Graeme McDowell, 37° con 283 (-5), il sudafricano Charl Schwartzel, l’austriaco Bernd Wiesberger e l’americano John Daly, 50.i con 286 (-2) e i due spagnoli Pablo Larrazabal, 60° con 288 (par), e Miguel Angel Jimenez, 68° con 291 (+3).
Aphibarnrat è partito forte con quattro birdie di fila, Dubuisson ha risposto con tre come Van Zyl e McIlroy ne ha messi a segno due. Ha avuto un improvviso black out il francese con un bogey e un doppio bogey, si è defilato McIlroy con tre bogey (71, -1 con quattro birdie e tre bogey) e il thailandese, dopo un bogey, ha dettato il passo con altri due birdie (-20). A quel punto, però non è stato capace di realizzare ulteriori birdie (67, -5) e Van Zyl, con tre birdie seguiti a un bogey, si è portato a “-21”, quota che Dubuisson ha raggiunto alla buca 17, agganciandolo, dopo un bel recupero con un eagle e tre birdie. Sull’ultimo green, come detto, il sorpasso di Dubuisson con il settimo birdie di giornata (66, -6), mentre Van Zyl non è andato oltre il par (67 anche per lui) e Aphibarnrat ha regalato gli ultimi brividi con due colpi incredibili nel bene e nel male.
Dubuisson ha ricevuto un assegno di 1.333.330 euro su un montepremi di 6.358.436 euro (sette milioni di dollari). Complessivamente le Final Series distribuiranno 30,5 milioni di dollari.
TERZO GIRO – Il francese Victor Dubuisson (69 64 67) e il sudafricano Jaco Van Zyl (61 69 70), nella foto, sono appaiati con 200 (-16) colpi al comando del Turkish Airlines Open, prima delle quattro ricche gare delle Final Series che concludono l’European Tour e che si sta disputando al Montgomerie Maxx Royal (par 72) di Antalya in Turchia senza giocatori italiani tra i 78 concorrenti. La coppia di testa inizierà il giro finale con un colpo di vantaggio sul thailandese Kiradech Aphibarnrat e sul nordirlandese Rory McIlroy (201, -15), leader della money list continentale, che ha dato corpo alle sue ambizioni salendo dal sesto al terzo posto grazie a un ottimo 67 (-5).
Poco più staccati, ma anche loro con giuste pretese, l’inglese Chris Wood e il coreano Byeong Hun An, quinti con 203 (-13), lo statunitense Peter Uihlein e gli inglesi Lee Westwood e Richard Bland, settimi con 204 (-12), il francese Julien Quesne e lo spagnolo Rafael Cabrera Bello, decimi con 206 (-10).
Difficilissimo un recupero per l’inglese Danny Willett, secondo nell’ordine di merito e che rischia di veder allontanarsi ulteriormente McIlroy, e per il thailandese Thongchai Jaidee, 12.i con 207 (-9), mentre non hanno più margini il nordirlandese Graeme McDowell, 16° con 208 (-8), e gli inglesi Matthew Fitzpatrick, 23° con 209 (-7), e Ian Poulter, 27° con 210 (-6).
Gara di bassa classifica per l’iberico Pablo Larrazabal e per il sudafricano Charl Schwartzel, 44.i con 214 (-2), per l’austriaco Bernd Wiesberger, 60° con 216 (par), per lo statunitense John Daly e per lo spagnolo Miguel Angel Jimenez, 66.i con 217 (+1).
Dubuisson, 25enne di Cannes che ha ottenuto l’unico titolo in questo stesso torneo nel 2013, è rinvenuto dal quarto posto con un 67 (-5) segnando sette birdie e due bogey. Van Zyl, 36enne di Kokstad, ha svolto buona parte della sua carriera nel Sunshine Tour dove ha ottenuto tredici titoli e quattordici secondi posti. In vetta sin dal primo turno, ha evitato il sorpasso, ma non l’aggancio, con un 70 (-2) frutto di tre birdie e un bogey.
Il Turkish Airlines Open ha un montepremi di sette milioni di dollari e, complessivamente, le Final Series distribuiranno 30,5 milioni di dollari.
Il torneo su Sky – La giornata finale del Turkish Airlines Open sarà teletrasmessa in diretta, in esclusiva e in alta definizione da Sky, sul canale Sky Sport 2 HD, con collegamento dalle ore 9,30 alle ore 14,30. Commento di Alessandro Lupi e di Nicola Pomponi.
SECONDO GIRO – Jaco Van Zyl ha rallentato con un parziale di 69 (-3), ma ha mantenuto il comando con lo score di 130 colpi (61 69, -14) nel Turkish Airlines Open, prima delle quattro ricche gare delle Final Series che concludono l’European Tour e che si sta disputando al Montgomerie Maxx Royal (par 72) di Antalya in Turchia senza giocatori italiani tra i 78 concorrenti.
Il 36enne sudafricano di Kokstad, che ha svolto buona parte della sua carriera nel Sunshine Tour dove ha ottenuto tredici titoli e quattordici secondi posti, è partito molto forte (tee 10ª) con cinque birdie in dieci buche per un totale di un eagle e quattordici birdie sulle prime 28 giocate, poi ha frenato con gli unici due bogey e il vantaggio sui secondi, gli inglesi Richard Bland e Chris Wood (132, -12), si è stabilizzato su due colpi.
Al quarto posto con 133 (-11) il paraguaiano Fabrizio Zanotti e il francese Victor Dubuisson e al sesto con 134 (-10) il transalpino Alexander Levy e il nordirlandese Rory McIlroy, leader della money list, che ha realizzato il secondo 67 (-5) consecutivo, ma ha perso due posizioni. Subito dietro, ottavi con 135 (-9), il thailandese Kiradech Aphibarnrat, il nordirlandese Graeme McDowell e l’inglese Lee Westwood e, 11.i con 136 (-8), l’inglese Matthew Fitzpatrick e lo spagnolo Rafael Cabrera Bello.
Non riescono a tenere il ritmo, che probabilmente vorrebbero, il thailandese Thongchai Jaidee, 19° con 138 (-6), e gli inglesi Ian Poulter e Danny Willett, secondo nell’ordine di merito, 25.i con 139 (-5). Fanno parecchia fatica l’austriaco Bernd Wiesberger, 42° con 141 (-3), l’iberico Pablo Larrazabal e il sudafricano Charl Schwartzel, 50.i con 142 (-2), e sono quasi in coda al gruppo lo statunitense John Daly, 73° con 148 (+4), e lo spagnolo Miguel Angel Jimenez, 75° con 149 (+5). Il Turkish Airlines Open ha un montepremi di sette milioni di dollari e, complessivamente, le Final Series distribuiranno 30,5 milioni di dollari.
Il torneo su Sky – Il Turkish Airlines Open viene teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione da Sky, sul canale Sky Sport 2 HD, ai seguenti orari: sabato 31 ottobre, dalle ore 10 alle ore 15; domenica 1 novembre, dalle ore 9,30 alle ore 14,30. Commento di Alessandro Lupi e di Nicola Pomponi.
PRIMO GIRO – Jaco Van Zyl, leader con un ottimo 61 (-11),  è stato il protagonista della giornata d’apertura del Turkish Airlines Open, prima delle quattro ricche gare delle Final Series che concludono l’European Tour e che si sta svolgendo al Montgomerie Maxx Royal (par 72) di Antalya in Turchia senza giocatori italiani tra i 78 partenti.
Ha offerto brani di gran gioco anche l’inglese Lee Westwood (64, -8), che comunque ha dovuto concedergli tre colpi. Al terzo posto con 66 (-6) il suo connazionale Chris Wood, e al quarto con 67 (-5) il nordirlandese Rory McIlroy, numero uno dell’ordine di merito e teso a difendere la posizione, apparso sicuramente in crescita rispetto alle ultime prove seguitel’infortunio alla caviglia. Lo affiancano l’austriaco Bernd Wiesberger, lo spagnolo Rafael Cabrera Bello, l’inglese Richard Bland, il francese Julien Quesne, il paraguaiano Fabrizio Zanotti e il thailandese Kiradech Aphibarnrat.
Anche se l’impennata di Van Zyl ha allungato la classifica, sono comunque in condizioni di recuperare, con 54 buche davanti, l’altro thailandese Thongchai Jaidee e gli inglesi Ian Poulter e Danny Willett, quest’ultimo secondo nella money list, 17.i con 69 (-3). Hanno tempo anche il nordirlandese Graeme McDowell, 28° con 70 (-2), l’iberico Pablo Larrazabal e il sudafricano Charl Schwartzel, 42.i con 71 (-1). Sono invece in coda, e praticamente già fuori, lo statunitense John Daly, 75° con 77 (+5), e lo spagnolo Miguel Angel Jimenez, 77° con 78 (+6).
Van Zyl, 36enne di Kokstad, ha svolto buona parte della sua carriera nel Sunshine Tour, dove ha ottenuto tredici titoli e quattordici secondi posti. In questa stagione ha raccolto, in sette gare, due seconde posizioni, tre terze e una sesta. Il 61 è nato da una prestazione impeccabile espressa con un eagle e nove birdie, senza bogey. Per Westwood otto birdie e anche per lui nessun bogey. Il Turkish Airlines Open ha un montepremi di sette milioni di dollari e, complessivamente, le Final Series distribuiranno 30,5 milioni di dollari.
Il torneo su Sky – Il Turkish Airlines Open viene teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione da Sky, sul canale Sky Sport 2 HD, ai seguenti orari: venerdì 30 ottobre e sabato 31, dalle ore 10 alle ore 15; domenica 1 novembre, dalle ore 9,30 alle ore 14,30. Commento di Alessandro Lupi e di Nicola Pomponi.
PROLOGO – Iniziano le Final Series dell’European Tour, quattro ricche gare simili ai Playoffs del PGA Tour statunitense, che concludono la stagione continentale. Si comincia con il Turkish Airlines Open (29 ottobre-1 novembre), al Montgomerie Maxx Royal di Antalya in Turchia, poi si andrà in Cina per il WGC-HSBC Champions (5-8 novembre) e per il BWM Masters (12-15 novembre), quindi la Race To Dubai si concluderà nell’Emirato con il DP World Tour Championship (19-22 novembre) e la relativa assegnazione del primo posto nell’ordine di merito.
In Turchia non saranno in campo giocatori italiani in un field che promette spettacolo agonistico e tecnico. Fari puntati sul nordirlandese Rory McIlroy (nella foto), a un nuovo test delle proprie condizioni fisiche, il quale dovrà difendere il primo posto nella money list (E 3.012.000), dal possibile attacco dell’inglese Danny Willett (E 2.740.786).
Saranno della partita anche gli altri inglesi Ian Poulter, Lee Westwood e Matthew Fitzpatrick, l’austriaco Bernd Wiesberger, i nordirlandesi Graeme McDowell e Darren Clarke, il danese Thomas Bjorn, gli spagnoli Miguel Angel Jimenez, Pablo Larrazabal e Rafael Cabrera Bello, i sudafricani Charl Schwartzel e Thomas Aiken, i thailandesi Thongchai Jaidee e Kiradech Aphibarnrat e gli statunitensi David Lipsky e John Daly. Il Turkish Airlines Open ha un montepremi di sette milioni di dollari e, complessivamente, le Final Series distribuiranno 30,5 milioni di dollari.
Il torneo su Sky – Il Turkish Airlines Open sarà teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione da Sky, sul canale Sky Sport 2 HD, ai seguenti orari: giovedì 29 ottobre, venerdì 30 e sabato 31, dalle ore 10 alle ore 15; domenica 1 novembre, dalle ore 9,30 alle ore 14,30. Commento di Alessandro Lupi e di Nicola Pomponi.

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube

Tasa Torbica - saranno famosi