Impegnati nel Verde: le novità e i premiati

  30 Agosto 2014 News
Condividi su:

CONTRIBUTI DOPPI AI CIRCOLI “IMPEGNATI NEL VERDE”. E IL PATROCINIO DEL MINISTERO DELL’AMBIENTE   Due novità importanti per il progetto “Impegnati nel Verde”, con cui la Federazione Italiana Golf (da quest’anno con la partnership dell’Istituto per il Credito Sportivo) premia i circoli più rispettosi dell’ambiente. La cerimonia di assegnazione dei riconoscimenti ai golf club italiani più “eco-friendly” si è tenuta nel Circolo Golf Torino a margine del 71° Open d’Italia presented by Damiani alla presenza del Presidente della FIG e di Coni Servizi, Franco Chimenti, del Commissario Straordinario dell’Istituto per il Credito Sportivo, Paolo D’Alessio, del vicepresidente FIG Antonio Bozzi e del Segretario Generale FIG, Stefano Manca, e del professor Alberto Minelli, del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Bologna. La prima novità? L’endorsement istituzionale del Ministero dell’Ambiente: “Per la prima volta il dicastero dell’ecologia ci ha comunicato ufficialmente che da quest’anno darà il patrocinio al nostro progetto”, ha annunciato Antonio Bozzi. “Un grande riconoscimento per noi e un motivo di orgoglio, perché Impegnati nel Verde è un progetto che nasce proprio per qualificare il golf sempre di più”, ha spiegato il Presidente Chimenti. La seconda novità arriva invece dall’Istituto per il Credito Sportivo: “Da quest’anno raddoppieremo i contributi per i circoli che aderiranno al progetto Impegnati nel Verde”, ha spiegato Paolo D’Alessio, Commissario Straordinario della banca pubblica che ha finanziato la stragrande maggioranza degli impianti sportivi italiani.     GOLF E AMBIENTE: PREMIATI I 10 CIRCOLI PIÙ ECOLOGICI   Premiati a Torino, durante il 71° Open d’Italia presented by Damiani, i 10 circoli di golf italiani più rispettosi dell’ambiente. Nel quadro del progetto “Impegnati nel verde”, a cura della Federazione Italiana Golf in collaborazione con l’Istituto per il Credito Sportivo, hanno ricevuto il riconoscimento gli impianti che si sono meglio distinti dal punto  di vista della compatibilità ambientale. Due le novità di quest’anno: per la prima volta, il Ministero dell’Ambiente ha assicurato il suo patrocinio ufficiale all’iniziativa. E l’Istituto per il Credito sportivo ha annunciato che raddoppierà il suo contributo ai circoli che aderiranno al progetto. Nel golf club che per il secondo anno consecutivo ospita il torneo, Circolo Golf Torino, alla presenza del Presidente della FIG e di Coni Servizi, Franco Chimenti, del Commissario Straordinario dell’Istituto per il Credito Sportivo, Paolo D’Alessio, del vicepresidente FIG Antonio Bozzi e del Segretario Generale FIG, Stefano Manca, e del professor Alberto Minelli, del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Bologna, hanno ricevuto il premio:   Royal Park Golf & Country Club – categoria Biodiversità Verdura Golf Club – categoria Biodiversità Filanda Golf Club – categoria Paesaggio Golf Club I Fiordalisi – categoria Paesaggio Terme di Saturnia Golf Club – Categoria Paesaggio Circolo Golf Rapallo – Categoria Paesaggio Golf Nazionale – categoria Acqua Arona Golf Club – categoria Energia Conero Golf Club – categoria Energia Florinas Golf – categoria Energia   Due i circoli che hanno ricevuto la Certificazione ambientale GEO (Golf Environmente Organisation): Terme di Saturnia e Is Arenas Golf Club. La certificazione è il massimo riconoscimento in fatto di tutela ambientale. La GEO è un’organizzazione non governativa che ha l’obiettivo di incentivare la difesa del territorio nel golf innalzando gli standard ambientali, fornendo soluzioni pratiche e valutando le prestazioni di chi opera nel settore golfistico.   Per tutte le informazioni sul progetto “Impegnati nel verde” e sulla Certificazione ambientale GEO: www.federgolf.it, area “Impianti ed ecologia”.  

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube