Eurotour: in Sudafrica bis di Louis Oosthuizen Matteo Manassero al 10° posto

  12 Gennaio 2014 News
Condividi su:

Matteo Manassero si è classificato al decimo posto con 283 colpi (72 67 73 71, -5) nel Volvo Golf Champions, gara dell’European Tour disputata sul tracciato del Durban Country Club (par 72), nella città sudafricana da cui il circolo prende il nome, e vinta dal giocatore di casa Louis Oosthuizen (nella foto) con 276 (68 69 71 68, -12). Il 32enne di Mossel Bay ha ottenuto il settimo titolo nel circuito (con un major, Open Championship, 2010) e il secondo consecutivo in questo torneo, superando con due birdie sulle ultime due buche il connazionale Branden Grace (277 – 74 67 68 68, -11), che era già in club house. Al terzo posto con 278 (-10) l’olandese Joost Luiten e l’inglese Tommy Fleetwood, quest’ultimo leader dopo 54 buche, al quinto con 279 (-9) l’irlandese Padraig Harrington e i francesi Victor Dubuisson e Raphael Jacquelin, all’ottavo con 281 (-7) il sudafricano Thomas Aiken e il transalpino Julien Quesne. Non hanno brillato lo spagnolo Miguel Angel Jimenez e il sudafricano Charl Schwartzel, 15.i con 285 (-3), l’iberico Gonzalo Fernandez Castaño e l’inglese Paul Casey, 19° con 287 (-1), lo scozzese Colin Montgomerie e il nordirlandese Darren Clarke, 24.i con 289 (+1), mentre l’altro spagnolo José Maria Olazabal ha concluso al 36° e ultimo posto con 300 (+12). Oosthuizen ha iniziato il giro finale al quarto posto, con due colpi di ritardo da Fleetwood, e per sette buche è filato in par, poi la prima svolta con un eagle all’ottava. Dopo un bogey alla 10ª ha cambiato marcia con due birdie (13ª e 14ª) poi, dopo un bogey alla 16ª che ha lasciato da solo Grace in vetta alla graduatoria, nelle due ultime buche si è espresso a grandissimo livello con un gran colpo dalla distanza contro vento e palla in bandiera alla 17 e con un approccio a un metro dal bersaglio per il birdie vincente alla 18 (68, -4). Anche Grace ha ottenuto un 68 con cinque birdie, di cui due nelle ultime tre buche, e un bogey. Manassero, al debutto nel 2014, ha offerto sicuramente una buona prova e, in particolare, si è distinto con un 67 (-5) nel secondo giro. E’ mancato un po’ dei colpi dal tee e questo gli ha creato qualche problema, mentre il resto del gioco è stato all’altezza della sua levatura. Ha concluso con un 71 (-1) dopo essere andato sopra par nelle prime nove buche, con due birdie e tre bogey, per poi recuperare con tre birdie e un bogey nel rientro. Oosthuizen ha ricevuto un assegno di 507.655 euro su un montepremi di 2.930.000 euro. Il torneo era legato alla finale mondiale del Volvo World Golf Challenge, un circuito per dilettanti che ha coinvolto golfisti di circa cinquanta nazioni.   Terzo giro – Matteo Manassero, decimo con 212 colpi (72 67 73, -4), ha perso cinque posizioni ma è rimasto in alta classifica nel terzo giro del Volvo Golf Champions, la gara dell’European Tour che segna il suo debutto stagionale sul tracciato del Durban Country Club (par 72), nella città sudafricana da cui il circolo prende il nome. E’ rimasto solitario al comando con 206 (70 67 69, -10) l’inglese Tommy Fleetwood, 23enne di Southport lo scorso anno vincitore del Johnnie Walker Championship, che inizierà il turno conclusivo con un colpo di margine sul francese Victor Dubuisson e sull’olandese Joost Luiten (207, -9). Al quarto posto con 208 (-8) il sudafricano Louis Oosthuizen, campione uscente, che dopo 36 buche era in vetta con Fleetwood e Luiten. In corsa per il titolo anche il sudafricano Branden Grace, quinto con 209 (-7), il gallese Jamie Donaldson e il transalpino Raphal Jacquelin, sesti con 210 (-6), mentre appare difficile, sebbene non impossibile, un inserimento del sudafricano Charl Schwartzel e dell’australiano Brett Rumford, ottavi con 211 (-5), e del gruppetto di Manassero, che comprende anche gli inglesi Paul Casey e Chris Wood, l’irlandese Padraig Harrington e il nordirlandese Darren Clarke. E’ continuata la rimonta dello spagnolo Miguel Angel Jimenez, anche se tardiva, 15° con 213 (-3) alla pari con lo scozzese Colin Montgomerie, e del danese Thomas Bjorn, 19° con 214 (-2). In difficoltà gli iberici Gonzalo Fernandez Castaño, 27° con 218 (+2), e José Maria Olazabal, 36° e ultimo con 227 (+11). Fleetwood ha girato in 69 colpi con quattro birdie e un bogey e Manassero in 73 (+1). Il veronese ha avuto un avvio difficile e dopo undici buche si è trovato tre colpi sopra par con quattro bogey e un birdie, Parziale recupero nelle ultime sei con tre birdie e un altro bogey. Il montepremi è di 2.930.000 euro con prima moneta di 507.654 euro. Il torneo è legato alla finale mondiale del Volvo World Golf Challenge, un circuito per dilettanti che coinvolge circa cinquanta nazioni. Il torneo su Sky – La giornata finale del Volvo Golf Champions sarà teletrasmessa in diretta e in esclusiva dalla TV satellitare Sky con collegamento  dalle ore 11,30 alle ore 15,30 (Sky Sport 2 e 2 HD). Replica sui canali Sky Sport 3 e 3 HD dalle ore 21.   Secondo giro – Ottimo recupero di Matteo Manassero che con un parziale di 67 (-5) colpi, miglior score di giornata ottenuto anche da altri tre concorrenti, e con il totale di 139 (72 67, -5), è balzato dal 17° al quinto posto nel Volvo Golf Champions, la gara dell’European Tour che segna il suo debutto stagionale sul tracciato del Durban Country Club (par 72), nella città sudafricana da cui il circolo prende il nome. In vetta si è portato un trio con 137 (-7) formato dall’olandese Joost Luiten (70 67), dall’ingleseTommy Fleetwood (70 67) e dal sudafricano Louis Oosthuizen (68 69), campione uscente, ma è subito a ridosso il francese Victor Dubuisson (138, -6). L’altro transalpino Raphael Jacquelin, leader dopo un giro, è sceso al sesto posto con 140 (-4), frenato da un 73 (+1) e agganciato dal nordirlandese Darren Clarke, all’11° con 142 (-2) l’irlandese Padraig Harrington e il gallese Jamie Donaldson, al 17° con 144 (par) lo scozzese Colin Montgomerie. Sono rimasti in bassa classifica lo spagnolo Miguel Angel Jimenez, 25° con 146 (+2), il suo connazionale Gonzalo Fernandez Castaño e il danese Thomas Bjorn, 28° con 147 (+3), mentre è sceso in ultima posizione l’iberico José Maria Olazabal, 36° con 150 (+6). Manassero ha realizzato quattro birdie sulle prime dieci buche, ha subito una brusca frenata con un doppio bogey all’11ª, ma ha reagito all’infortuno con altri tre birdie nel finale. Hanno girato in 67 anche Luiten, con uno spettacolare albatross alla 10ª (par 5, metri 512), dove ha imbucato la palla dalla distanza con il secondo colpo, quattro birdie e due bogey e Fleetwood con sei birdie e un bogey. Il quarto autore di un 67 è stato il sudafricano Branden Grace, ottavo con 141 (-3), che ha assemblato due eagle, quattro birdie e tre bogey, mentre Oosthuizen si è espresso con un parziale di 69 (-3) con quattro birdie e un bogey. Il montepremi è di 2.930.000 euro con prima moneta di 507.654 euro. Il torneo è legato alla finale mondiale del Volvo World Golf Challenge, un circuito per dilettanti che coinvolge circa cinquanta nazioni. Il torneo su Sky – Il Volvo Golf Champions viene teletrasmesso in diretta e in esclusiva dalla TV satellitare Sky con i seguenti orari: sabato 11 gennaio, dalle ore 11,30 alle ore 15,30 (Sky Sport 3 e 3 HD); domenica 12, dalle ore 11,30 alle ore 15,30 (Sky Sport 2 e 2 HD). Repliche tutte sui canali Sky Sport 3 e 3 HD: sabato 11 gennaio, dalle ore 20,45; domenica 12, dalle ore 21.   Primo giro – E’ iniziato con il 72 del par e il 17° posto nel Volvo Golf Champions il 2014 di Matteo Manassero al debutto stagionale nel torneo dell’European Tour che si sta disputando sul percorso del Durban Country Club (par 72), nella città sudafricana da cui il circolo prende il nome. Guida la graduatoria con 67 (-5) colpi il francese Raphael Jacquelin, quarant’anni nel prossimo maggio e quattro titoli nel circuito dei quali uno conquistato in Italia (Sicilian Open, 2011), che precede di un colpo il sudafricano Louis Oosthuizen (68, -4) 32enne di Mossel Bay nel cui palmares figurano sei successi comprensivi di un major (Open Championship, 2010), ma  che non vince proprio da questa gara dove si impose lo scorso anno. Seguono al terzo posto con 69 (-3) l’altro transalpino Victor Dubuisson e il nordirlandese Darren Clarke e al quinto con 70 (-2) un gruppetto di sette concorrenti composto dallo scozzese Colin Montgomerie, dall’irlandese Simon Thornton, dagli inglesi Tommy Fleetwood e Chris Wood, dal tedesco Marcel Siem, dallo statunitense Peter Uihlein e dall’olandese Joost Luiten. In 12ª posizione con 71 (-1) il gallese Jamie Donaldson e l’irlandese Padraig Harrington e a metà graduatoria, con lo stesso score di Manassero, l’inglese Paul Casey e il sudafricano Richard Sterne. Primo giro da dimenticare per lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño e per il sudafricano Charl Schwartzel, 28.i con 74 (+2), per l’iberico Miguel Angel Jimenez, 34° con 76 (+4), e quasi un incubo per il danese Thomas Bjorn, 36° e ultimo con 79 (+7). Jacquelin ha fatto percorso pulito con cinque birdie, gli stessi realizzati anche da Oosthuizen, ma con un bogey che gli ha impedito di affiancare il leader. Manassero ha iniziato molto male con un bogey e un doppio bogey sulle prime cinque buche. Ha avuto però lo forza di recuperare il par mettendo insieme nelle successive cinque birdie e altri due bogey. Il montepremi è di 2.930.000 euro con prima moneta di 507.654 euro. Il torneo è legato alla finale mondiale del Volvo World Golf Challenge, un circuito per dilettanti che coinvolge circa cinquanta nazioni. Il torneo su Sky – Il Volvo Golf Champions viene teletrasmesso in diretta e in esclusiva dalla TV satellitare Sky con i seguenti orari:  venerdì 10 gennaio, dalle ore 12 alle ore 16 (Sky Sport 2 e 2 HD); sabato 11, dalle ore 11,30 alle ore 15,30 (Sky Sport 3 e 3 HD); domenica 12, dalle ore 11,30 alle ore 15,30 (Sky Sport 2 e 2 HD). Repliche tutte sui canali Sky Sport 3 e 3 HD: venerdì 10 gennaio, dalle ore 21; sabato 11, dalle ore 20,45; domenica 12, dalle ore 21.   Prologo – Matteo Manassero fa il debutto stagionale nell’European Tour partecipando al Volvo Golf Champions (9-12 gennaio) sul percorso del Durban Country Club, nella città sudafricana da cui il circolo prende il nome. Il veronese, con i suoi vent’anni, sarà il più giovane concorrente in campo tra i 34 ammessi alla gara, mentre i più avanti con l’età saranno lo scozzese Colin Montgomerie (51 anni) e lo spagnolo Miguel Angel Jimenez (50 anni festeggiati il 5 gennaio). Quest’ultimo è anche il giocatore più anziano ad aver vinto nel circuito (suo l’Hong Kong Open dello scorso dicembre a 49 anni e 337 giorni). Manassero, che ha cambiato sponsor tecnico, ha le carte in regola per inserirsi nella lotta al titolo anche se la ripresa dopo la pausa invernale è sempre ricca di incognite. Difende il titolo il sudafricano Louis Oosthuizen in un lotto di concorrenti dove hanno giuste velleità di successo i connazionali Charl Schwartzel e Richard Sterne, il danese Thomas Bjorn, l’inglese Paul Casey, il gallese Jamie Donaldson e il thailandese Kiradech Aphibarnrat. Il montepremi è di 2.930.000 euro con prima moneta di 507.654 euro. Il torneo è legato alla finale mondiale del Volvo World Golf Challenge, un circuito per dilettanti che coinvolge circa cinquanta nazioni. Il torneo su Sky – Il Volvo Golf Champions sarà teletrasmesso in diretta e in esclusiva dalla TV satellitare Sky con i seguenti orari:  giovedì 9 gennaio e venerdì 10, dalle ore 12 alle ore 16 (Sky Sport 2 e 2 HD); sabato 11, dalle ore 11,30 alle ore 15,30 (Sky Sport 3 e 3 HD); domenica 12, dalle ore 11,30 alle ore 15,30 (Sky Sport 2 e 2 HD). Repliche tutte sui canali Sky Sport 3 e 3 HD: giovedì 9 gennaio e venerdì 10, dalle ore 21; sabato 11, dalle ore 20,45; domenica 12, dalle ore 21.   I risultati

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube