Obiettivi ed impatto economico

ROAD TO ROME 2022 – DIFFUSIONE DEL GOLF IN TUTTA ITALIA
La Road To Rome rappresenta il cammino di avvicinamento alla Ryder Cup del 2022. Il percorso toccherà tutte le regioni italiane fino ad arrivare alla sfida fra Europa e Stati Uniti, che si terrà a Roma presso il Marco Simone Golf & Country Club.

Con l’assegnazione della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf,  si impegna in un arco temporale di 12 anni (dal 2016 al 2027) a sviluppare il movimento golfistico, toccando diversi ambiti e proponendosi di raggiungere diversi obiettivi: dall’aumento del numero degli appassionati alla crescita di nuovi campioni; dall’azione educativa del golf sin dai banchi di scuola al ribadire il connubio con l’ambiente; dal sottolineare il carattere inclusivo e di aggregazione sociale di questo sport all’aumentare la consapevolezza che giocare a golf fa bene alla salute; dalla realizzazione di nuove strutture impiantistiche al favorire l’incremento del turismo golfistico.

INCLUSIONE SOCIALE: GOLF E DISABILITÀ L’inclusione sociale è uno dei punti fermi del Progetto Ryder Cup 2022 per sottolineare il carattere aggregante del golf, sport accessibile e adatto alle esigenze di tutti.

Nelle prime due settimane di Ottobre l’Italia ospiterà il Mondiale non vedenti (Golf Club Parco De’ Medici Roma 4-5 Ottobre) e l’Open d’Italia Disabili – Sanofi Genzyme (Golf Club Crema 11-12 Ottobre).

GOLF4AUTISM La FIG ha lanciato lo scorso gennaio“Golf4autism” un’esperienza pilota sviluppata da Golfprogram, con il patrocinio della Federazione Italiana Golf nell’ambito del Progetto Ryder Cup 2022, la collaborazione dell’Associazione di volontariato “Una breccia nel muro” e il supporto del circolo romano Archi di Claudio Golf Club. “Golf4autism” si rivolge a bambini con spettro autistico di età compresa fra i 6 e i 12 anni e si propone, attraverso lezioni gratuite sul campo, come un aiuto per la socializzazione e l’integrazione. Dopo la conferenza di presentazione dello scorso 17 gennaio il Progetto Golf4Autism sta andando avanti con il coordinamento della FIG per estendere il Progetto su scala nazionale e includere un nuovo modulo di insegnamento ad hoc per la formazione dei Maestri presso la Scuola Nazionale federale.Golf4autism rientra nel piano strategico finalizzato all’inclusione sociale e in quest’ottica la FIG ha firmato un protocollo con la FISDIR (Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali) per la regolamentazione del tesseramento dei giocatori con disabilità e la formazione dei tecnici federali.

IL PROGETTO GOLF E SCUOLA
Il Progetto Ryder Cup 2022 tra i suoi obiettivi ha anche l’aspettativa di incentivare una nuova generazione di giocatori, facendo conoscere la disciplina e stimolandone l’interesse, usando come leva anche la promozione di corsi a costi ridotti e patrocinando manifestazioni sportive ed eventi. Il target è rivolto soprattutto ai ragazzi in età scolare (elementari e medie).
Con l’impegno dei Comitati Regionali, sono state stipulate convenzioni con Istituti Scolastici ed Università utili a trasmettere l’immagine ed i concetti del golf a tanti ragazzi e alle loro famiglie.

La FIG è poi fra le federazioni aderenti al progetto “Scuole Aperte allo Sport” con il coordinamento del CONI e del MIUR. Si tratta di un percorso sportivo ed educativo per le scuole secondarie di primo grado che prevede la collaborazione, a tutti i livelli, tra il Mondo scolastico e quello sportivo.

L’IMPATTO ECONOMICO

Il Progetto Ryder Cup 2022 ha un costo complessivo di circa 157 milioni di euro. Il Progetto si sviluppa in dodici anni, dal 2016 al 2027 su tutto il territorio nazionale con 37 manifestazioni principali: 12 Open d’Italia, 12 Open Senior Tour e 13 tornei del Challenge Tour e circa 60 gare del circuito internazionale Alps Tour per un totale di 97 manifestazioni sportive internazionali. A fronte di un finanziamento del Governo di 60 milioni di euro, il Progetto prevede un ritorno allo Stato di circa 109 milioni da tassazione. La condizione posta da Ryder Cup Europe per sviluppare questo Progetto è stata la presentazione di una garanzia pari a 97 milioni di euro. Questa garanzia non rappresenta un ulteriore finanziamento, ma una fidejussione. 41 milioni di euro sono già coperti da un accordo – pronto alla firma – con l’advisor Infront, a fronte della concessione dei diritti marketing, commerciali e televisivi. Il nostro business plan prevede inoltre entrate provenienti dall’aumento dei tesserati, da ulteriori ricavi da sponsor, fornitori, diritti televisivi e altri introiti di varia natura per complessivi 56 milioni di euro.
Al termine dei 12 anni di progetto tutto sarà sostenibile senza dover intaccare le garanzie offerte dal Governo.

Qui di seguito i numeri: KPMG Advisory ha elaborato una stima degli impatti diretti ed indiretti derivanti dall’organizzazione della Ryder Cup 2022 e degli eventi connessi nel periodo 2016-2027. Tale stima, che ammonta complessivamente a circa 513,4 mln di euro, risulta così suddivisa: 277,4 mln per impatti diretti legati all’incremento della domanda interna conseguente agli investimenti necessari per l’adeguamento delle infrastrutture, ai consumi dei soggetti coinvolti e alle spese di gestione dell’evento Ryder Cup e di tutte le manifestazioni collegate che si svolgeranno per 12 anni a partire dal 2016. Si stimano 236 mln circa per impatti indiretti, di cui circa 126,1 mln derivanti dall’incremento della domanda interna, circa 83,9 mln di euro per incremento del gettito fiscale, circa 26 mln di nuove entrate fiscali direttamente trattenute a titolo di imposta sui montepremi dei tornei e un rilevante incremento occupazionale.